#esclusiva# Madonna di San Polo, l’Apparizione: il racconto di don Alfredo e dell’infermiera Stefania ARTICOLO E VIDEO

di Rossana Russo

Lonato del Garda –  Nel Santuario della madonna di San Polo il 22 maggio di quest’anno erano in tanti alla messa celebrata da don Alfredo Assandri davanti al capitello.

Anche oggi, nel raccontare in esclusiva la notizia straordinaria dell’Apparizione a tre bambini, abbiamo raccolto due testimonianze singolari,  di un parroco e di una infermiera.

Il parroco Don Alfredo Assandri, sacerdote della Diocesi di Cremona: “Si respirava un clima di grande serenità mai sentito prima nelle precedenti funzioni”

Sabato 22 maggio ho celebrato la messa per l’anniversario della Fondazione e anche io ho percepito qualcosa di nuovo rispetto ad altre volte – afferma Padre Alfredo della Diocesi di Cremona –  un clima di preghiera e raccoglimento che portava ad una pace dell’anima. Durante la celebrazione un raggio di luce che forava le nuvole mi ha fatto pensare direttamente allo Spirito santo. Ho sentito una serenità diversa dalle altre volte. I bambini erano alla mia sinistra e il capitello era alla mia destra, io ero rivolto ai fedeli. Ho colto una grande serenità di spirito sin dall’inizio”

Stefania Cattadori, infermiera: Ho visto quel fascio di luce e  c’ero anche io quando i tre bambini hanno raccontato di aver visto la madonna di san Polo

Mi ricordo che ero seduta alla sinistra dell’altare – afferma Stefania Cattadori, infermiera-  il cielo era  scuro per la pioggia che sembrava dovesse veni giù da un momento all’altro. Ad un certo punto ho visto che il cielo si è aperto ed è uscito un fascio di luce che avvolgeva il capitello, poi dopo un po’ non c’era più. Il mio pensiero è andato subito alla Madonna. Ho preso un taccuino e ho segnato l’orario”.

Entrambi, don Alfredo e Stefania,  hanno vissuto  un momento speciale, entrambi hanno visto un raggio di luce abbattersi sul capitello ella madonna e entrambi hanno pensato che c’era qualcosa di particolare, hanno percepito la presenza della madonna tra loro.

Poi dopo la messa hanno assistito al racconto dei tre bambini di 6,7 e 8 anni che hanno detto ai loro genitori di aver visto la madonna di San Polo per lunghi minuti come sospesa davanti ai loro occhi. “Mi sorrideva – ha raccontato la bambina di otto anni”. Le ha fatto eco il cuginetto di 7 anni: “Cera tanto fumo nero” e la sorellina  aggiunge: “Anche io ho visto il fumo”.

I tre bambini sono privilegiati e “scelti” perché, come ci hanno raccontato le loro mamme e i medici che li hanno curati, tutti e tre  sono stati salvati dalla madonna di San Polo, guariti da patologie.

Prima di loro l’unico ad avere avuto l’apparizione, più di 40 anni fa,  è stato Luigi Mangiarini, presidente della Fondazione Madonna di San Polo,  che ha speso la sua vita ad accogliere le richieste per la madonna e a dare una mano  ai meno fortunati del Burkina Fasu e delle zone più disagiate.

 

Lascia un commento