Biblioteche accademiche e ’open science’: alle ‘Stelline’ i federiciani Mauro Calise e Roberto Delle Donne In diretta streaming il 22 e 23 aprile

Esiste una “questione meridionale” anche per le biblioteche? Parte da questa domanda e si occuperà di analizzare le tendenze delle biblioteche pubbliche nel Sud Italia la seconda tappa del Convegno Stelline 2021, il principale evento nazionale di formazione e incontro dedicato ai bibliotecari, che si terrà in diretta streaming il 22 e 23 aprile 2021.

Nei due giorni di convegno, promosso da Associazione Biblioteche oggi e SHARE (Scholarly Heritage and Access to Research), con la collaborazione di AIB – Associazione Italiana Biblioteche, si affronteranno temi quali il miglioramento qualitativo, l’internazionalizzazione e l’ottimizzazione delle risorse delle biblioteche accademiche grazie agli strumenti e protocolli di condivisione. Una tavola rotonda sarà dedicata a un confronto tra editoria universitaria e servizi offerti dalle biblioteche e un’altra, a cura dell’AIB.

Tra i relatori del Convegno, Mauro Calise, professore ordinario di Scienza politica dell’Università degli studi di Napoli Federico II e direttore di Federica Weblearning, centro di ateneo per l’innovazione, la sperimentazione e la diffusione della didattica multimediale, la cui multipiattaforma federica.eu è leader in Europa per la didattica multimediale open access; Roberto Delle Donne, Professore ordinario di Storia medievale, Coordinatore di SHARE , la piattaforma di accesso ai servizi bibliotecari condivisi da 9 università, tutte del Sud Italia, e ripresa in ambito internazionale da istituzioni quali l’Università di Harvard; Paul Ayris, Pro-Vice Rettore dello University College di Londra e presidente del LIBER’s Citizen Science Working Group, che promuove la partecipazione di cittadini nelle attività di raccolta di dati e produzione di informazioni all’interno di una rete cui aderiscono circa 450 biblioteche di ricerca europee, nazionali, universitarie e di altro genere, in partnership con associazioni e organizzazioni in Europa e nel mondo.

Clicca sui link:

Lascia un commento