Vele di Scampia, Napoli: “La miseria uccide più della pandemia, bisogna ripartire subito”

“Bisogna ripartire subito. E’ passato un anno da quel evento storico dell’abbattimento della Vela verde dove nulla era scontato.

Grazie alla tenacia e alle mobilitazioni continue del popolo delle Vele siamo riuscito a raggiungere questo straordinario risultato”. Lo affermano una nota il comitato Vele di Scampia, formato dagli abitanti degli alloggi popolari nell’anniversario dell’abbattimento della Vela Verde.
“Mentre tutto andava nel verso giusto – proseguono – esplode la pandemia che ferma il mondo e blocca anche il cantiere delle vele. Capiamo le difficoltà dove la pandemia ha messo in ginocchio il paese soprattutto sulla questione economica e sociale. Da quando e scoppiata la prima epidemia il cantiere delle vele e chiuso da circa 8 mesi non possiamo più attendere, chiediamo subito la ripresa del cantiere, non possiamo più perdere tempo, c’è ancora tanto da fare. Su quel suolo dove si è abbattuto il mostro di cemento dovranno sorgere i nuovi alloggi dignitosi per chi attende ancora nei carceri speciali”.

Lascia un commento