Brevi dall’Italia e dal mondo oggi 29.07.2020

di Francesco Caputi

 

Italia

LA CAMERA APPROVA LA PROROGA DELLO STATO D’EMERGENZA AL 15 OTTOBRE. CENTRO-DESTRA: “DERIVA LIBERTICIDA”

Dopo l’approvazione di ieri del Senato della proroga dello stato di emergenza (157 voti a favore, 125 contrari e 3 astenuti), oggi anche la Camera approva con 286 voti a favore, 221 contrari e 5 astenuti. Il centro-destra si è presentato unito contro la proroga dello stato di emergenza e attacca Conte.

“Sono scioccata. Conte sta sostenendo al Senato che, senza lo stato di emergenza, il governo non è in grado di fare normalissimi decreti, decreti legge, ordinanze. Questa è una grossolana menzogna e una pericolosissima deriva liberticida. Dove vuole arrivare il governo?”, ha detto Giorgia Meloni.

“Non si può prorogare lo stato di emergenza perché l’emergenza non c’è. Ma è stato obiettato: non possiamo comprare le mascherine e comprare i banchi delle scuole: se non fosse tragico sarebbe da ridere. Conclusione, la dichiarazione di uno stato di emergenza in questa situazione è inopportuna e illegittima’. Firmato, Sabino Cassese, giudice emerito della Corte costituzionale, che penso di diritto ne sappia più di lei, non penso sia un sovranista o un negazionista. Lei, presidente Conte, ha impiegato 40 minuti a dimostrare l’indimostrabile, e che Cassese boccia con una riga. Lei sta mentendo all’Italia e agli italiani, sta dicendo bugie”, ha detto Matteo Salvini.

“Le parole pronunciate da Conte sono gravissime. Ha descritto un mondo alla rovescia, in cui si può governare solo con misure eccezionali e dove il Parlamento che rivendica le regole democratiche viene accusato di procurato allarme”, ha detto Anna Maria Bernini di Forza Italia.

Conte risponde alle opposizioni, definendo le loro affermazioni “gravi” e prive di alcuna “corrispondenza nella realtà”. “La proroga, se si epura la discussione da posizioni ideologiche, è una scelta inevitabile, per certi aspetti obbligata, fondata su valutazioni squisitamente tecniche. Non sto dicendo ovviamente che è preclusa una valutazione politica, anzi oggi vi viene richiesta, ma voglio dire che il governo sta operando questa valutazione sulla base di mere istanze organizzative, operative, non certo perché si vuole fare un uso strumentale per atteggiamento liberticida, reprimere il dissenso o ridurre la popolazione in uno stato di soggezione. Sono affermazioni gravi che non hanno nessuna corrispondenza nella realtà”, ha detto il premier Conte in Aula alla Camera.

SALVINI, SCOSTAMENTO DI BILANCIO: “DAL GOVERNO NESSUNA RISPOSTA”

“Da parte del governo la risposta è stata pari allo zero quindi se si ritengono autosufficienti facciano e ne risponderanno al Paese”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini durante una conferenza stampa riguardo alla richiesta fatta dal centro-destra al governo per votare a favore dello scostamento di bilancio per autorizzare nuovo deficit per le misure del decreto di agosto.

D’INCÀ, SCOSTAMENTO DI BILANCIO: “TUTTE LE FORZE POLITICHE VOTINO IN MODO UNANIME”

“La maggioranza è autosufficiente in Parlamento ma lo scostamento di bilancio significa mettere in campo risorse per il bene del Paese, per questo il mio appello a tutte le forze politiche è di votare insieme in modo unanime”. E’ quanto ha detto questa mattina a Radio Anch’io il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà.

HACKER CINESI NELLA RETE DI COMPUTER DEL VATICANO

Hacker cinesi collegati al governo cinese si sarebbero infiltrati nella rete di computer del Vaticano. E’ quanto denuncia la società di cyber-sicurezza statunitense Recorded Future. Obiettivi degli hacker del governo cinese sarebbero quelli di ottenere “informazioni utili sulle posizioni negoziali” del Vaticano, dal momento che, entro settembre prossimo, verrà rinnovato l’accordo tra Pechino e la Santa Sede, e “monitorare le relazioni della diocesi” di Hong Kong “con il Vaticano”.

 

Esteri

MINACCE A NETANYAHU, ARRESTATO UOMO ARMATO

Un israeliano di 31 anni che aveva minacciato Benjamin Netanyahu è stato arrestato a Gerusalemme. L’uomo, trovato nelle vicinanze dell’ufficio del primo ministro, aveva addosso, secondo il giornale Haaretz, una pistola di plastica e due coltelli a serramanico. Il 31enne si sarebbe presentato come un esponente del “Daesh ebraico” e avrebbe affermato che la sua famiglia versa in gravi difficoltà economiche.

Nell’ultimo periodo, Netanyahu e la sua famiglia sono diventati oggetto di crescenti minacce sul web. Per questo motivo, secondo i media, la sua protezione è stata rafforzata.

IRAN, ROHANI: “DA USA TERRORISMO AEREO CONTRO IL VOLO DI MAHAN AIR”

“L’aggressione al volo iraniano della Mahan Air in Siria diretto in Libano è stata una forma di terrorismo aereo da parte degli USA”. Lo ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani. “Non cederemo alle vostre pressioni. C’è solo un’opzione per voi ed è il rispetto dei regolamenti e degli accordi internazionali e la compensazione per le perdite che avete inflitto al popolo iraniano”, ha aggiunto Rohani.

TURCHIA: APPROVATA LEGGE PER IL CONTROLLO DEI SOCIAL

Il parlamento turco ha approvato una nuova legge che consentirà al governo di avere maggior controllo sui social network, i quali dovranno ora avere un referente locale che controllerà i contenuti pubblicati e deciderà la rimozione di quelli contrari alle norme vigenti in Turchia. La legge è stata proposta dall’AKP (il partito del presidente Erdogan) e dall’MHP, partito nazionalista alleato di Erdogan.

Proteste da Amnesty International e da Human Rights Watch. “È l’ultimo e forse il più sfrontato attacco alla libera espressione in Turchia. I giornalisti passano già anni dietro le sbarre per le loro notizie critiche e gli utenti dei social media devono autocensurarsi nel timore di offendere le autorità”, ha detto Amnesty International, secondo cui la legge “viola i diritti umani e gli standard internazionali”. “I social media hanno un’importanza cruciale per molte persone che li usano per informarsi. Questa legge annuncia un oscuro periodo di censura online”, ha detto Human Rights Watch.

MAR CINESE MERIDIONALE: L’AUSTRALIA RAFFORZA LA COOPERAZIONE MILITARE CON GLI STATI UNITI

L’Australia ha rafforzato la cooperazione militare con gli Stati Uniti nel Mar cinese meridionale, dove diversi isolotti ed atolli sono stati occupati e militarizzati dalla Cina. Il Mar cinese meridionale rappresenta infatti una rotta di massimo traffico commerciale. Secondo i media australiani, le ministre degli Esteri Marise Payne e della Difesa Linda Reynolds hanno concordato, durante i colloqui faccia a faccia con il Segretario di Stato americano Mike Pompeo e con il Segretario della Difesa degli Stati Uniti Mark Esper, di perseguire “una cooperazione marittima accresciuta e regolarizzata” nel Mar cinese meridionale e nell’Oceano indiano, “sia bilateralmente sia in concerto con altri partner regionali”. La dichiarazione congiunta di Australia e Stati Uniti afferma che le rivendicazioni della Cina nel Mar cinese meridionale “non sono valide nel diritto internazionale”. Tuttavia, la ministra degli esteri australiana ha affermato di non voler danneggiare le relazioni con Pechino, in particolare quelle commerciali.

HONG KONG, IMPENNATA COVID-19: GLI OSPEDALI RISCHIANO IL COLLASSO

Il sistema ospedaliero di Hong Kong potrebbe “collassare” a causa della nuova impennata di casi di Covid-19. E’ quanto afferma la governatrice di Hong Kong Carrie Lam. Ad Hong Kong, infatti, si registrano più di 100 casi al giorno.

CORONAVIRUS, CINA: I CASI SALGONO A 101

Continuano a salire i casi di coronavirus in Cina, che salgono a 101. Di questi, 98 sono a trasmissione domestica, di cui 89 rilevati nello Xinjiang, 8 nel Liaoning e uno a Pechino. Tre casi sono stati classificati come importati e sono stati rilevati nel Guangdong (2) e a Shanghai (1). I nuovi asintomatici accertati sono stati 27.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.