La GdF di Napoli sequestra alcool di contrabbando e lo dona all’ospedale

Più di mille litri di alcool puro, sequestrato nel luglio del 2019 in una distilleria clandestina dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, sono stati devoluti oggi, su richiesta della Guardia di Finanza di Napoli ratificata dalla Procura di Nola, alla Farmacia Centralizzata dell ‘Azienda Ospedaliera Universitaria Federico Il di Napoli.

La vicenda

La consegna dell’alcool, avvenuta al Policlinico di Napoli, e’ stata formalizzata durante un incontro avvenuto negli uffici della direzione generale. ”Oltre al valore materiale del consistente sequestro – ha commentato il direttore generale dell’Azienda ospedaliera Universitaria Federico II, Anna Iervolino ringraziando il comandante Sezione Altre Accise ed Imposte sui Consumi Gennaro Parisi – va apprezzata la collaborazione e la sensibilità istituzionale con la procura di Nola e la Guardia di Finanza”.

Il gesto, anche motivato dall’emergenza Covid19

L’ alcool di contrabbando sottratto all’accertamento ed al pagamento delle imposte, la cui immissione in commercio avrebbe generato profitti illeciti per migliaia di euro.
“La carenza sul mercato di alcool etilico aggravata dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 – spiega la Guardia di Finanza in una nota stampa – ha motivato la nostra richiesta all’Autorità Giudiziaria di devolvere gratuitamente il prodotto a strutture ospedaliere o sanitarie del territorio che ne avessero fatto richiesta proposito che oggi si è concretizzato con la consegna del materiale al direttore sanitario Emilia Anna Vozzella, e del direttore della farmacia centralizzata, dottoressa Antonietta Vozza” (ANSA).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.