CALCIO – Dopo la batosta con la Juve, il Napoli guarda al Besiktas

Quattro sconfitte nelle ultime sei partite, dieci gol subiti, sette punti di distacco dalla capolista Juventus. Nonostante il bel gioco e la personalita’ mostrati allo Stadium, il Napoli fa i conti con un momentaccio. Ma al di la’ dei numeri, recuperabili visto che e’ solo fine ottobre, il ko di Torino ha una forte connotazione sentimentale: dopo l’addio estivo vissuto come tradimento dai tifosi, Higuain ha segnato anche il gol decisivo che ha dato la vittoria alla Juventus. Non ha esultato, ma ha reso il boccone ancora piu’ amaro per i tifosi azzurri, tanto che oggi nella centralissima via Toledo qualcuno ha vestito un cestino dei rifiuti con la maglia del Pipita, aggiungendoci un cartello: “Higuain, puoi anche vincere il tricolore, ma sarai sempre un traditore”. E la gara dello Juventus Stadium e’ stato un frullatore di sentimenti: dall’abbraccio di Sarri con Higuain, fino al battibecco tra il tecnico e Lorenzo Insigne, furioso per la sostituzione e pubblicamente rimbrottato dal tecnico toscano nel post partita. “Deve stare zitto”, le parole di Sarri che ha chiuso la polemica serale. Oggi i due si sono parlati alla ripresa degli allenamenti a Castel Volturno: Insigne ha chiesto scusa per la foga del momento e la polemica si e’ chiusa. A parlare il giorno dopo la sconfitta e’ stato Marek Hamsik, dal suo sito web: “Abbiamo letto bene la partita – ha scritto lo slovacco – e abbiamo giocato bene, e’ stata una sfida equilibrata ma e’ mancata anche un po’ di fortuna. Il calcio si basa anche sugli errori. Siamo andati a casa loro e non ne siamo usciti male, ma ora non dobbiamo piu’ pensarci. C’e’ la sfida martedi’ a Istanbul che sara’ cruciale per la Champions League”. Polemiche e veleni da mettere velocemente dietro le spalle, quindi, visto che il Napoli dopodomani a Istanbul (allenamento a Castel Volturno al mattino e poi volo per la Turchia) si gioca una fetta importante della qualificazione agli ottavi di Champions League, contro i turchi che sono secondi nel girone a un solo punto di distacco dagli azzurri, in testa. Sarri ritrovera’ Gabbiadini al centro dell’attacco e pensa al tridente che avra’ il ballottaggio Insigne-Mertens a sinistra e Callejon a destra. Lo spagnolo, intanto, con la rete di ieri sera ha raggiunto Jeppson al dodicesimo posto tra i bomber della storia del Napoli, a quota 52 reti. Per le altre scelte si profila turn over in difesa con Maksimovic dentro e Chiriches fuori, mentre Albiol e’ ancora out per infortunio e non e’ stato convocato.

FONTE ANSA

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.